Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

« Torna agli eventi

Il Walzer Nell’Opera

Inizio:
20 Gennaio 2013 17:30
Fine:
20 Gennaio 2013 20:00
Prezzo:
20 euro senza aperitivo causa mal tempo
Locale:
Domus Talenti
Telefono:
0697996300
Indirizzo:
Via delle quattro fontane 113, Roma, RM, Italia, 00184

Domenica 20 Gennaio 2013 ore 17.30 ingresso 20 euro senza aperitivo causa mal tempo

Il Walzer Nell’Opera

La meravigliosa cornice della Domus Talenti ospiterà il Soprano Sabrina Testa e il Violinista Carlo Vicari accompagnati al pianoforte da Barbara Cattabiani in un programma dedicato ai più noti Valzer del repertorio Operistico e Sinfonico.
Al termine del concerto seguirà un’ aperitivo nel suggestivo chiostro della Domus insieme agli artisti.

Programma

J.Hoffenbach Barcarolle da I Racconti di Hoffmann
L.Arditi Il Bacio
J.Strauss Du und Du  da Il Pipistrello
C.Gounod Je veux vivre da Romeo e Giulietta
F.Kreisler Liebesleid e Liebesfreud
G.Puccini Il valzer di Musetta da La Bohème
J.Strauss Blue Danube
F.Lehàr Tace il Labbro da La Vedova Allegra
G.Verdi Il brindisi da La Traviata

STORIA DEL VALZER

Diffuso inizialmente in Austria e nel sud della Germania, il Valzer conquistò ben presto gran parte dell’Europa, dalla Francia alla Russia, dall’Italia all’Inghilterra diventando una danza internazionale.Il successo fu dovuto non solo al carattere fluente e orecchiabile della musica ma anche al fatto che per la prima volta la coppia di ballerini danzava abbracciata.

Il Valzer si affermò a Vienna all’inizio del secolo XIX con J.Strauss padre il suo amico Joseph Lanner.

In seguito il Valzer viennese conservò un andamento veloce e spigliato, mentre in Francia toccò la massima popolarità all’interno del genere operettistico acquistando un carattere più languido e sentimentale.

In Inghilterra alla fine del XIX secolo si afferma il valzer lento.

Presente sporadicamente nelle opere dei grandi compositori del classicismo viennese, il Valzer si impose in ambito colto nel secolo XIX diventando in Francia una forma classica, pianistica e sinfonica (pensiamo ai valzer di Chopin) mentre in Italia si sviluppò in ambito operistico, come potremmo ascoltare nel programma di questa sera .

Sabrina Testa

E’ stata diretta dai Maestri Zubin Mehta, Seiji Ozawa, Alain Lombard, Karel Chichon,Renato Palumbo, Lu Ja, Alain Guingal, G.Martinenghi, P.Arrivabeni, Enrique Mazzola, S. La Stella, F.E. Scogna, e dai registi Robert Carsen, Dmitry Bertman, R.Giacchieri, Ugo Gregoretti, Franco Zeffirelli, Pier’Alli, Laurent Pelly,Paul Curran,Eike Gramss, Jean-Louis Grinda, Gabris Ferrari, Giulio Ciabatti.

Si è esibita  al Teatro del Maggio Musicale di Firenze, al Teatro dell’Opera di Roma ed alle Terme di Caracalla,al Parco della Musica di Roma, al Teatro Nazionale di Roma, al Teatro Argentina di Roma, al Teatro Massimo di Palermo, al Teatro Filarmonico di Verona, al Teatro Sociale di Rovigo, al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno,ecc. Ha collaborato con l’orchestra Europa Galante di Fabio Biondi, con  l’Orchestra Barocca di Roma, l’orchestra del Centro Italiano di Musica Antica (C.I.M.A.), l’Orchestra e il Coro di Radio Bratislava, il Teatro Regio di Parma,  l’Orchestra Sinfonica dell’Accademia  Nazionale di Santa Cecilia, con  l’Associazione Barattelli dell’Aquila, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, l’Orchestra dei Virtuosi d’Opera di Roma, l’Orchestra del Teatro Verdi di Terni, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Moldavia,con la Federazione Cemat, il Bratislava City Choir.Ha inciso per Bongiovanni le Opere di Nino Rota Idue Timidi e La notte di un Nevrastenico.

Carlo Vicari

Vincitore in duo e trio di diversi concorsi di musica da camera,si esibisce nei maggiori teatri nazionali e internazionali fra cui la Carnegie Hall a New York, e La Sala Tchaikovsky a Mosca.

Incide con l’etichetta Tirreno l’Integrale dei Trii di Giuseppe Martucci.

Primo violino di spalla Nel 1998 del Teatro lirico sperimentale a Spoleto ,attualmente spalla dell’Orchestra Mozart Sinfonietta.

Collabora da 12 anni con Uto Ughi e i Filarmonici di Roma,con Ennio Morricone e L’orchestra Roma Sinfonietta.



Barbara Cattabiani

Ha partecipato a  diverse trasmissioni televisive e radiofoniche per la RAI e per emittenti private ed è stata ospite di prestigiosi Teatri e Associazioni Musicali in Italia (Auditorium della RAI , Ist.Pontificio, Teatro Olimpico,Gonfalone a Roma, Teatro Piccinni a Bari, Teatro dell’Aquila a Fermo, Villa Adriana a Tivoli, e all’estero (Francia, Lituania, Giordania, Russia, Romania, Rep.Slovacca, Ungheria,Siria,Svizzera,Gabon). Ha collaborato con illustri compositori italiani quali E.Morricone, F.Mannino, L.Salvadori, B.Campodonico, A.D’Antò,A.Talmelli E’ titolare di cattedra presso il Conservatorio di Musica di Benevento.


Diffuso inizialmente in Austria e nel sud della Germania, il Valzer conquistò ben presto gran parte dell’Europa, dalla Francia alla Russia, dall’Italia all’Inghilterra diventando una danza internazionale.

Il successo fu dovuto non solo al carattere fluente e orecchiabile della musica ma anche al fatto che per la prima volta la coppia di ballerini danzava abbracciata.


Il Valzer si affermò a Vienna all’inizio del secolo XIX coc J.Strauss padree il suo amico Joseph Lanner.


In seguito il Valzer viennese conservò un andamento veloce e spigliato, mentre in Francia toccò la massima popolarità all’interno del genere operettistico acquistando un carattere più languido e sentimentale.

In Inghilterra alla fine del XIX secolo si affermà il valzer lento.

Presente sporadicamente nelle opere dei grandi compositori del classicismo viennese, il Valzer si impose in ambito colto nel secolo XIX diventando in Francia una forma classica, pianistica e sinfonica (pensiamo ai valzer di Chopin)

mentre in Italia si sviluppò in ambito operistico, come potremmo ascoltare nel programma di questa sera .

Buon ascolto!



Condividi su:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Blogplay
  • Add to favorites
  • RSS
  • Twitter

 

I commenti sono chiusi.